Orgogliosamente gelosi della nostra autonomia

 

Finalmente la nostra Associazione Culturale “Il Migliore” sta realizzando un sogno che era uno dei tanti nostri desideri. Il 22 febbraio verificheremo la sua potenzialità iniziale del “Comitato Scientifico” e sappiamo bene che è un punto di partenza e non d’arrivo.

Con la nascita del Comitato Scientifico non solo aumenteremo le iniziative come quantità, ma soprattutto sotto l'aspetto qualitativo, perché oggi tutti a Sinistra siamo costretti a non sbagliare nulla se vogliamo tornare a essere un riferimento egemone.

Informiamo tutti che non guarderemo indietro, ma cercheremo di continuare a guardare il futuro con rinnovato spirito e non perché lasceremo ad altri la Memoria storica - che ci interessa e molto -, ma punteremo con rinnovato impegno a studiare. Infatti ci daremo da fare e studieremo a 360 gradi in tutti i campi che riguardano un Paese civile e non solo una associazione, lo faremo seguitando a stare dalla parte degli sfruttati di sempre, con un impegno previsto dalla Carta costituzionale nata dalla Resistenza ove il “Migliore” fu uno dei padri.

Pertanto il nostro impegno sarà sempre antifascista e le nostre proposte saranno in linea con esso, sia se si parla di economia, di sociale, di cultura, di territorio, di ambiente, di pace e di disarmo, etc.

Nelle nostre possibilità le nostre future iniziative devono inevitabilmente essere di pungolo sia nelle masse giovanili e sia in quelle femminili.

Seguiteremo ad avere  rapporti con le istituzioni democratiche, con i Gruppi eletti, con i partiti e con le forze sociali, saremo rispettosi della loro autonomia, ma saremo orgogliosamente gelosi della nostra.

Lavoreremo con un bisogno di unità come ci hanno insegnato i nostri Padri non solo con l’associazionismo, ma con i movimenti che lottano per ridare dignità alle masse popolari e in modo particolare da chi viene dal mondo del lavoro, pensionati e disoccupati.

Sappiamo che con la nascita di questo prezioso strumento le nostre responsabilità saranno quintuplicate ma credo che con la serietà di tutti le supereremo.

Con la speranza che sapremo mettere in pratica - e non solo gridarlo -: “Veniamo da lontano... Andiamo lontano”.  

 

Giampiero Nicolini